• Valerio Maria Murgolo

Applicazioni aziendali per acquisire, gestire e tracciare clienti e prospect

Sempre più lo smartphone risulta lo strumento più utilizzato, più intimo che abbiamo e quindi può risultare molto importante per i rapporti con gli utenti sia lato consumer ma anche lato business.


Sempre più importante diventa l'utilizzo di app da condividere con il proprio team; esistono moltissime app che possono facilitare la vendita e che collegate ad un CRM possono svolgere soprattutto quattro funzioni principali...

La prima è la gestione dei contatti, integrando la lista dei clienti oppure la rubrica del telefono, quindi tutti quei dati demografici e anagrafici da conserviamo del nostro utente.


Il secondo punto è quello del tracciamento delle attività, dettagliando le attività di contatto, lo storico, le e-mail, le visite, le vendite, quindi diciamo che si arricchisce quello che è il nostro database.


La terza funzione è quella di priorizzare l'intervento, quindi creare delle priorità e razionalizzando, per esempio il giro visite, oppure organizzare le attività per rendere più agevole e più fruibile quella che è l'attività dei propri utenti, tracciando tutti i passaggi.


In ultima analisi si possono generare delle reportistiche integrate, per esempio raccogliendo tutti i risultati di tutti i venditori all'interno di un'unica dashboard; in questo caso i manager di linea posso utilizzare le dashboard per prevenire quelli che possono essere i problemi che si possono manifestare.


Ci sono moltissime applicazioni utilizzabili, sicuramente Saleforce è una di quelle aziende che offre sia un buon CRM che delle applicazioni aggiunte, ma esistono moltissime app che sono supportate, che si possono utilizzare all'interno dell'azienda anche a prezzi più contenuti e di maggiore semplicità come Insightly per esempio oppure Sellf, che è stata creata da un'azienda italiana, oppure Zoho CRM oppure Hubspot, ce ne sono tante che si possono utilizzare anche in versione free.


Ed infine possiamo orientarci verso quelle che sono app free di largo uso con piattaforme non nostre come Whatsapp che ha introdotto funzionalità di broadcast, per esempio, che permettono di supportare le attività commerciali senza risultare invadenti; praticamente dalla rubrica creo un gruppo di clienti, che dovranno inserirmi nella loro rubrica e autorizzarmi ovviamente, a cui inviare informazioni commerciali con una certa cadenza.


Ogni partecipante non vedrà l'appartenenza a quel gruppo, il messaggio risulterà individuale e comunque risulterà dedicato a quel tipo di utente; è dimostrato che il tasso di apertura dei messaggi è nettamente superiore alla media di apertura delle mail, questo perché essendo un oggetto più intimo e ritenendolo personalizzato ci viene più naturale aprire Whatsapp che la mail.


Quindi dotare i propri collaboratori di strumenti condivisi, di facile utilizzo, che permettano quella che viene chiamata la co-creazione oggi, di avere tutte le metriche di business e a portata di mano, di relazionare e di relazionarsi, aiuta gli utenti e aiuta l'azienda in termini di efficacia ed efficienza, ad abbattere i costi, a creare partecipazione e quindi quello che è l'engagement interno, ma soprattutto aiuta e supporta a mappare tutte le informazioni su quell'utente in modo da poter compiere azioni dedicate e personalizzate; e quindi di supportare quella che è la fase di analisi che oggi diventa ovviamente sempre più una fase strategica all'interno l'azienda.


Sta utilizzando il Mobile Marketing per acquisire nuovi clienti?




Iscriviti alla newsletter per ricevere news, materiale, informazioni sulla Trasformazione Digitale, sull'Organizzazione Digitale e sul contatto con gli utenti.
Riceverai 1 mail a settimana con tutti gli aggiornamenti informativi.