• Valerio Maria Murgolo

HAI SENTITO PARLARE DI SERIOUS GAME?

Gianni Rodari scriveva: "Vale la pena che un bambino impari piangendo quello che può imparare ridendo? Se si mettessero insieme le lagrime versate nei cinque continenti per colpa dell'ortografia, si otterrebbe una cascata da sfruttare per la produzione dell'energia elettrica."

Il bambino, come l'adulto, apprende dal gioco perché stimola la creatività, l'archiviazione delle informazioni e genera in noi un ricordo gradevole che si imprime nel subconscio.

Qual'è il motivo per cui ci formiamo come se stessimo tra i banchi di scuola? Per quale motivo non sperimentiamo metodi, di apprendimento, differenti?

Sono solo alcune domande a cui Mattia Festa, facilitatore ed utilizzatore di Serious Game, ha fornito le sue risposte da esperto in materia.




Lui si definisce così:


"Mattia Festa Background da Psicologo con attitudine nerd. "Flashato" fin dai banchi dell'università dalla Formazione Esperienziale e dal Serious Gaming che, da più di qualche anno, declino per lavoro nel facilitare processi di apprendimento sulle tematiche trasversali all'interno dei percorsi di Apprendistato per vari enti di categoria e di formazione sul territorio Veneto; e più in generale in progetti della Regione dedicati alle politiche attive del lavoro. Collaboro inoltre con realtà produttive del territorio al miglioramento di processo e di risorse nei team. Recentemente ho avuto modo di collaborare con l'Università Cà Foscari di Venezia sulle tematiche Soft Skills con giochi esperienziali."

Iscriviti alla newsletter per ricevere news, materiale, informazioni sulla Trasformazione Digitale, sull'Organizzazione Digitale e sul contatto con gli utenti.
Riceverai 1 mail a settimana con tutti gli aggiornamenti informativi.