• Valerio Maria Murgolo

Il potere della Leadership

Cosa si intende per Leadership? Quale relazione con il potere? Quale relazione con il management?



Leader è qualcuno che ha dei follower”.

È Leader chi ha qualcuno che lo segue.


Questa è una celebre frase di Peter Drucker, economista austriaco, che apre l’orizzonte ad una domanda fondamentale: come fare a farsi seguire da qualcuno?


La relazione tra Leadership e followership è caratterizzata da fiducia, consapevolezza, competenza, autorità, autorevolezza, onestà, credibilità e unicità.


La traduzione di leader che presenta il Garzanti è di:

  • Capo

  • Guida

  • Comandante

  • Dirigente

  • Capo partito

  • Vincitore


Invece la traduzione che offre di follower è:

  • Servitore

  • Seguace

  • Cedente

  • Ammiratore

  • Innamorato

  • Tifoso.


Sono evidenti le simmetrie con Capo-Servitore, Guida-Seguace, Comandante-Cedente, Dirigente-Ammiratore, Capo partito-Innamorato ed infine Vincitore-Tifoso.



Ma gli aspetti fondamentali, aldilà delle simmetrie che si preferiscono, sono la direzione, la meta e l’obiettivo da raggiungere, e le persone da coinvolgere per raggiungere quella meta.

Quindi in relazione a questi due aspetti possiamo espandere la definizione di Drucker definendo un leader colui che sa condurre delle persone verso una meta.


Ovviamente una domanda nasce spontanea: perché qualcuno segue un leader?


La risposta più diretta è: perché è dotato di un qualche tipo di potere, anche di diversa natura.


Per la definizione di potere uso una celebre frase di Max Weber che recita:


“Il potere è la possibilità che un individuo, agendo nell’ambito di una relazione sociale, faccia valere la propria volontà anche di fronte a un’opposizione”.

Come si esercita questo potere? Obbligando, Offrendo qualcosa in cambio, Sapendo dove andare, Sapendo cosa fare, Sapendo fare ed essendo ammirato o amato.

Sempre Weber afferma il concetto di legittimità del potere, cioè quando è riconosciuto da chi ne è oggetto, e si manifesta sul ruolo formale (autorità) oppure sulle sue doti personali (autorevolezza).


Esistono, quindi, due tipi di leadeship:


  • Leadership autoritaria, si basa sul potere attribuito e riconosciuto al leader di prendere decisioni e distribuire premi e punizioni.

  • Leadership autorevole, si basa sulla condivisione e comprensione di scopi, vision e mission del leader che diventano anche dei follower.


Viene da sé che è leadership illegittima quella ricevuta con violenza, se non riconosciuta come autoritaria o autorevolezza, per esempio se qualcuno ci obbliga con un’arma a lasciargli il portafoglio, questa è espressione di potere, e leadership, illegittima.


Quindi la leadership è tale se il potere connesso è riconosciuto come legittimamente esercitabile.


Come ultima definizione possiamo affermare che:


Leadeship è saper condurre le persone verso una meta esercitando un potere da loro riconosciuto come legittimo.
Iscriviti alla newsletter per ricevere news, materiale, informazioni sulla Trasformazione Digitale, sull'Organizzazione Digitale e sul contatto con gli utenti.
Riceverai 1 mail a settimana con tutti gli aggiornamenti informativi.